Extinction - Teatro Romano Bologna

ROMANO
TEATRO
TEATRO
ROMANO
Vai ai contenuti

Extinction

Eventi e News
Orari di apertura in occasione del weekend di ART CITY Bologna
 
Venerdì 24 gennaio | ore 17,00 - 20,00
 
sabato 25 gennaio | ore 10,00 - 24,00
 
domenica 26 gennaio | ore 10,00 - 20,00
 
 
Biglietto d'ingresso nei giorni di ART CITY Bologna:
 
Gratuito per possessori della VIP card Arte Fiera e per i possessori del biglietto Arte Fiera;
 
€ 1 intero per i non possessori del biglietto Arte Fiera)
EXTINCTION
Punto di non ritorno SEM (sesta estinzione di massa)
The process of eliminating a conditioned response by not reinforcing it
a cura di Michela Barausse e Xabier Gonzalez Muro

Extinction propone attraverso una mostra collettiva di artisti contemporanei l’installazione di opere dipinte, sculture e installazioni artistiche disposte lungo un percorso snodabile su tre livelli espositivi intorno ai resti archeologici dell’antico teat ro romano di Bologna, la necessità di fermarci a riflettere, a pensare, in un momento non privo d’ansia, sul destino del nostro pianeta. Il nostro pianeta è ora nel mezzo della sua sesta estinzione di massa di piante e animali e cioè la sesta ondata di est inzioni avvenute nell’ultimo mezzo miliardo di anni. L’uomo, pare, possa riuscire perfino anche nel tentativo di estinguere se stesso come specie. Sarà capace di fagocitare finalmente tutto e tutti compresso perfino il proprio pianeta che lo ospita. Questa è l’immagine che più ci terrorizza e ne siamo consapevoli.
Per questo motivo la mostra Extinction propone il risultato in termini artistici dell’idea di chiedere ad un gruppo di artisti di confrontarsi proprio sul rapporto tra la essenza umana e il mondo che la circonda e in antitesi interrogarsi anche tra la completa assenza di essa come proiezione nel tempo e la alternativa di una possibilità di speranza e di sopravvivenza per l’umanità.
La richiesta ha prodotto la riproposizione di opere già in passato concepite dagli artisti ma in non pochi casi create ex novo per la mostra Extinction. Concettualmente l’amalgama delle opere messe insieme e snodate su un percorso ideato per essere percorso quasi al buio e dove ogni artista rappresenta un punto focale d i luce e di speranza, ha dato risultati a dir poco sorprendenti. Ci siamo inaspettatamente ritrovati a discutere di presente e passato e soprattutto a dialogare del futuro e della responsabilità che ciascuno di noi, come elementi conformanti la specie uman a, ha nella sua singolarità e nell’insieme agli altri sul proprio destino, nella ormai quasi inarrestabile deriva a cui ci siamo drammaticamente legati in un ciclo di involuzione autodistruttiva del nostro pianeta
Il riscaldamento globale che provoca in proporzione diretta il cambiamento climatico sul nostro pianeta è il modo in cui gli umani minacciano maggiormente l'esistenza stessa di tutte le specie compresa perfino la propria. Vi è un grande interesse nel comprendere come le specie potrebbero risponde re a un clima che
cambia e nonostante le previsioni siano molto diverse, gli scienziati concordano sul fatto che i cambiamenti climatici hanno già in maniera palpabile effetti devastanti sulle nostre comunità, sulla fauna selvatica e sugli climatici hanno già in maniera palpabile effetti devastanti sulle nostre comunità, sulla fauna selvatica e sugli habitat da cui dhabitat da cui dipendono come noi tutti esseri viventi su questo pianeta. Affrontiamo un periodo di grande ipendono come noi tutti esseri viventi su questo pianeta. Affrontiamo un periodo di grande incertezza dove i rischi di estinzione intensificati sono veramente reali.incertezza dove i rischi di estinzione intensificati sono veramente reali. Siamo condannati, come ritengono Siamo condannati, come ritengono alcuni scienziati, a una sesta estinzione di massa? Oppuralcuni scienziati, a una sesta estinzione di massa? Oppure possiamo imparare a proteggere le specie dalla e possiamo imparare a proteggere le specie dalla scomparsa e, nel frattempo, contribuire a salvare noi stessi? La risposta a questa domanda si impone a tutti scomparsa e, nel frattempo, contribuire a salvare noi stessi? La risposta a questa domanda si impone a tutti noi come inevitabile e ineludibile riflessione.noi come inevitabile e ineludibile riflessione.
EXTINCTION, invita e stimola alla riflessione sulla logica di un a logica di un fil rougefil rouge che collega tramite alcuni spazi e volumi che collega tramite alcuni spazi e volumi disposti intorno ai resti archeologici dell’antico teatro romano di Bologna, il passaggio su alcune disposti intorno ai resti archeologici dell’antico teatro romano di Bologna, il passaggio su alcune problematiche attuali di carattere ambientalistico, politico e sociale legate ad argomentproblematiche attuali di carattere ambientalistico, politico e sociale legate ad argomenti vari quali i i vari quali i cambiamenti climatici sulla terra, il passare del tempo inesorabile e l’estinzione di alcune specie vegetali e cambiamenti climatici sulla terra, il passare del tempo inesorabile e l’estinzione di alcune specie vegetali e animali per arrivare a toccare puntualmente altre problematiche prettamente animali per arrivare a toccare puntualmente altre problematiche prettamente umaneumane di tipo sociale quali il di tipo sociale quali il fenomeno dell’immigrazifenomeno dell’immigrazione presente ogni giorno con tragici eventi di cronaca quotidiana e gli episodi one presente ogni giorno con tragici eventi di cronaca quotidiana e gli episodi ricorrenti della violenza di genere in particolar modo sulle donne.ricorrenti della violenza di genere in particolar modo sulle donne.
Creato da MC1964
ML 6.48 S.r.l.
Sede legale: Via di Porta Castello 2/2
40121 Bologna (BO)
Sede operativa: Via De’ Carbonesi 5 c
40123 Bologna (BO)
+39 051 095 1760  | +39 051 945 146 (fax)
C.F. e P. Iva IT 03656551201
ROMANO
TEATRO
Torna ai contenuti